Rubriche
Noi no
Claudia Bonadonna | 25-11-2007 | ITA
Manifesto “contro”. Ecco tutto quello che non vogliamo essere. Tutte le storie che vogliamo consegnare al futuro. Il mondo è distratto, casuale e cattivo. Noi no.

Il mondo è distratto, casuale e cattivo. Noi no.
Cattivi, forse. Un po'.
Nel senso di non disposti a condiscendere.
Pronti a guardare oltre, a ricercare.
A sporcarci le mani scavando là dove gli altri passano via veloci, attratti da effimere luccicanze.
Noi stringiamo forte i pugni pieni di terra e soffiamo via la polvere da diamanti che sembrano sassi…
Un vento delicato, un refolo arabesco o un uragano, 'ché ognuno ha il suo ritmo e ogni traccia la sua musica interiore…
Di convincere no, non ci interessa.
Disvelare, piuttosto.
Aprire il palmo e lasciare che la luce colori il grigio della nebbia.
Veda chi vuole.
Veda chi può.
I veri tesori sono per pochi, per quelli che li meritano davvero.

Il mondo è distratto, casuale e cattivo. Noi no.
Distratti, forse. Un po'.
Nel senso di disposti a farci prendere.
A slittare sul senso comune delle cose per produrne dell'altro.
Quello scarto impercettibile che sfoca la veduta d'insieme e permette di individuare ulteriori dettagli.
E non è una scena conchiusa, no, ma un modo di riuscire a guardare le cose.
È lo sfasamento che ti prende quando sei sull'orlo dell'abisso e il paesaggio dall'altra parte si sdoppia.
Desiderio e paura.
La vertigine sulla fenditura sottile che apre a voragini di significato.
Salti chi vuole.
Salti chi può.
Ci vuole coraggio, a perdere i propri confini.
Il mondo è distratto, casuale e cattivo. Noi no.
Consapevoli, sempre.
Di una direzione impossibile.
Di un modo di scavare, di un modo di traslare.
Immagini sepolte, particolari sfuggiti, interpretazioni nuove.
Fantasie e resistenze.
Percorriamo strade stridenti e lasciamo tracce leggere e ostinate.
In fondo e di lato.
Esiste davvero un movimento simile?
Magari no. Ma è bello immaginare che i trilobiti abbiano strisciato in questo modo, prima di consegnarsi all'eternità della roccia.

Il mondo è distratto, casuale e cattivo. Noi no.
Noi siamo altro... Tutte le storie che vogliamo consegnare al futuro.

Fotografia di Dave McKean.